Toggle Menu

OTISOPSEOTREBOR - Benvenuti nel sito web di Roberto Esposito! Ricarica la pagina per vedere ogni volta un header diverso! - Per tornare alla versione normale clicca con il tasto sinistro del mouse su questo link: www.robertoesposito.com

La democrazia trionfa nel Malawi il leader dell'opposizione ha vinto le elezioni politica elettorale isaiah sunganimoyo

Content Starts La lunga battaglia della democrazia per vincere le elezioni nel Malawi

Published by Leave a comment

Dopo quasi 30 anni di dittatura incontrastata, con un solo uomo al potere dal 1966, lo scorso anno il Malawi è riuscito ad ottenere il diritto ad elezioni democratiche: nel profondo cuore dell’Africa, circa 20 milioni di cittadini hanno dato voce al proprio desiderio di riscatto dopo che lo 0,2% della popolazione aveva sfruttato e impoverito l’altro 98,8% per intere generazioni.

Chi mi conosce da un po’ di tempo ricorderà che avevo provato a dare il mio contributo a questa battaglia, per “aiutarli a casa loro”, affiancando un malawiano per costruire una strategia politica, lanciare la sua candidatura e mettere in piedi una vera campagna elettorale, che ha coinvolto oltre 90 attivisti in 350 villaggi finanziando tutte le loro attività, spese e cure mediche con il crowdfunding.

Tuttavia, il giorno del voto qualcosa è andato storto: seggi bruciati, militanti uccisi e 159.000 schede scomparse. Perchè, oltre ad essere il quarto Paese più povero al mondo, il Malawi è anche uno dei tre Paesi con la corruzione più alta. Una corruzione così sfacciata, volgare e impertinente da non sembrare vera. Ci sono molti modi per truccare le elezioni, ma i vecchi partiti del Malawi l’hanno fatto nel modo più spudorato possibile: cancellando i risultati con il bianchetto, quello che usiamo a scuola per correggere gli errori sui compiti, e riscrivendolo i numeri a penna in favore del loro candidato Mutharika.

Nonostante 147 denunce di irregolarità con prove schiaccianti, la Commissione elettorale ha semplicemente risposto che andava bene lo stesso. Ma era troppo tardi: il popolo aveva scoperto la democrazia, e non era più disposto a soffocare quella speranza. Così i giovani del Malawi sono scesi in piazza e ci sono rimasti fino a quando la pressione non ha costretto i giudici a prendere sul serio la questione. E ha funzionato: per la seconda volta nell’intera storia dell’Africa, a febbraio la Corte costituzionale ha annullato i risultati delle elezioni per manomissione del voto.

Cinque giorni fa si è tornati a votare, e il popolo del Malawi è riuscito finalmente a conquistare quella democrazia e quella libertà che non aveva mai conosciuto ma che aveva sempre sognato. Ieri, la Commissione elettorale ha dichiarato vincitore il leader dell’opposizione Lazarus Chakwera con il 58,57% dei voti: “My victory is a win for democracy and justice. My heart is bubbling with joy“.

#My2cents di oggi riguarda la storia di un posto sperduto nel mondo dove succedono cose che probabilmente non avranno mai nessun impatto sulle nostre vite. Una terra di foreste e distese incontaminate, dove le case sono fatte con mattoni di fango e tetti di paglia, in cui non esistono servizi sanitari, acqua potabile, educazione e diritti umani, dove gli uomini hanno la più bassa aspettativa di vita al mondo (47 anni) e il 50% dei bambini è malnutrito e muore di fame o di malaria prima dei 5 anni. In quel posto, oggi una battaglia è stata vinta e una rivoluzione è cominciata.

Per chi volesse ripercorrere la mia avventura:

Tags: , , , , Categorised in: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.